Voglia di mare

Sittin’ in the mornin’ sun
I’ll be sittin’ when the evenin’ come
Watching the ships roll in
And then I watch ‘em roll away again, yeah

È stata l’ultima canzone di Otis Redding.
Stamattina le sue note continuano a risuonare nella mia testa.
Ho voglia di mare.

(Costumi da bagno – Collezione p/e 2015)

Sfumatura in blu

Mi affascinano le diverse tonalità di un colore, nelle differenze trovo l’armonia, e come d’incanto, ricordo i versi di Verlaine:

Perché vogliamo la sfumatura ancora,
Non Colore, ma solo la sfumatura!
Oh! la sfumatura solo accoppia
il sogno al sogno e il flauto al corno!

(Verlaine, Poesie, Jadis et Naguère, Arte poétique)

(Gonne, particolare – Collezione p/e 2015)

FRANCE. Paris. 1989.

Certe volte è più bello vedere le cose in bianco e nero

“Immortalo ciò che vedo. Potrei dire che è una sorta di diario dei miei ultimi sessant’anni. Alcune immagini fanno parte di lavori che mi avevano commissionato, altre no, sono state scattate semplicemente perché mi piace fotografare”.

Adoro da sempre il lavoro fotografico di Elliot Erwitt. Il suo talento di intrappolare i colori del mondo in uno scatto in bianco e nero. Lui vede esattamente quello che anch’io vorrei vedere.
Fino al 30 agosto al Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art è possibile visitare una sua importante retrospettiva.

Momenti di (non) trascurabile felicità

Una sciarpina al collo è il necessario che non serve, l’utile assolutamente inutile, il già fatto che devi ancora fare. Se non ce l’hai la cerchi, se ce l’hai, dopo un po’ la vuoi togliere.
Avete presente Francesco Piccolo quando scriveva: “Tutte le cose che bisogna fare mi piace rimandarle, oppure averle già fatte“? La mia sciarpina è un momento di (non) trascurabile felicità.

(Collezione p/e 2015)

collo1
collo2
collo3
collo4
collo5
collo6